Aeronautica Militare: bimbo di quattro anni in imminente pericolo di vita trasportato da Alghero a Genova

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

Un bambino di quattro anni in imminente pericolo di vita a causa di una grave patologia è stato trasportato d’urgenza nel pomeriggio di oggi da Alghero a Genova a bordo di un aereo Falcon 50 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare. Il piccolo, accompagnato dai familiari e da un’equipe medica, è stato poi trasferito in ambulanza per essere immediatamente ricoverato presso l’ospedale pediatrico “Giannina Gaslini” del capoluogo ligure.

La richiesta di trasporto è pervenuta dalla Prefettura di Sassari alla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti anche quello di autorizzare e gestire questo tipo di missioni a favore della popolazione. La Sala Situazioni di Vertice ha quindi disposto il decollo urgente di un Falcon 50, uno degli assetti che la Forza Armata tiene pronti 24 ore su 24 per questo genere di necessità, che è partito da Ciampino alla volta di Alghero, da dove è poi decollato, una volta imbarcato il piccolo paziente, intorno alle 16:00. Dopo circa un’ora di volo, il Falcon è atterrato all’aeroporto di Genova dove il bimbo è stata trasferito su un’ambulanza pronta sul posto per l’immediato trasporto all’ospedale “Giannina Gaslini” di Genova.

Attraverso i suoi Reparti di Volo, l’Aeronautica Militare mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare in qualunque momento e in grado di operare in condizioni meteorologiche marginali per assicurare il trasporto urgente non solo di persone in imminente pericolo di vita, come accaduto oggi, ma anche di organi ed equipe mediche per trapianti. Sono centinaia ogni anno le ore di volo effettuate per questo genere di interventi dagli aerei del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e della 46a Brigata Aerea di Pisa.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.