Alberto Cairo ‘l’afghano’ che rende onore all’Italia – Articolo21

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

Alberto Cairo ‘l’afghano’ che rende onore all’Italia


 

Non è da tutti ottenere  passaporto e cittadinanza onoraria  dell’Afghanistan. Per  Alberto Cairo è il riconoscimento meritato di un percorso di impegno che parte da lontano, da quel 1989 quando arrivò a Kabul subito dopo il ritiro dei sovietici. Una scommessa con la vita fatta in un paese che ancora oggi non ha trovato sicurezza e stabilità. Sorride nella foto ufficiale con il presidente Ashraf Ghani  ed è insolitamente   vestito con giacca e cravatta, come non capita mai di vederlo nella capitale afghana,ma  mi immagino che  subito dopo la breve cerimonia sia corso a rimettersi  il suo inseparabile camice bianco con  la scritta rossa “Alberto”  sul taschino. Le sue giornate al  Centro Ortopedico della Croce Rossa Internazionale di Kabul iniziano molto presto,intorno alle 4 e proseguono senza sosta tra le tante attività che è riuscito a realizzare all’interno dell’ospedale in questi 30 anni di lavoro al fianco di uomini donne e bambini vittime delle micidiali mine antiuomo.  Tutti a Kabul conoscono l’ospedale  di Alberto Cairo, perché tutti hanno avuto un familiare finito su una mina e sanno cosa significhi poter tornare a camminare grazie alle protesi e all’assistenza di Cairo.  Le mine sono tra le macerie, nei prati,nei giardini delle case dove i bambini giocano e le donne coltivano la terra.  Perdere una gamba in Afghanistan significa perdere la dignità, non poter avere un lavoro, non poter   dare da mangiare alla propria famiglia.

Ritornare a camminare vuol dire tornare a vivere, non  sentirsi un peso, non finire  ai bordi delle strade a chiedere l’elemosina e continuare invece ad essere utile per i propri cari. Cairo con il suo centro  rappresenta la possibilità di un futuro per coloro che  la guerra ha lasciato a strisciare tra la polvere. Nei vari reparti  lavorano soprattutto quei disabili che sono tornati a camminare. Chi meglio di loro può capire le difficoltà e aiutare altri disabili a riprendersi la vita? Tutti tra le montagne dell’Hindu Kush  sanno che c’è il rischio di  finire su uno di questi micidiali ordigni e che le probabilità aumentano  proprio in tempo di pace, quando le persone tornano alla vita normale nei luoghi dove si è combattuto aspramente. E sarà stato anche per questo che in tutte le stagioni, anche le più terribili che hanno insanguinato la capitale afghana, l’Ospedale di Alberto Cairo è rimasto indenne dalle bombe. Ricordo quando gli stessi abitanti del quartiere si misero  schierati a protezione dell’edificio e dello stesso Cairo  per impedire che durante degli scontri i dimostranti vi entrassero. “ L’Ospedale non si tocca.” era il messaggio ai rivoltosi. “ Hai visto che belle rose?” mi disse una volta accogliendomi per un’intervista. Alberto è orgoglioso delle sue rose che a maggio colorano i vialetti del Centro. Le ha fatte piantare lui che ha costruito un’oasi di pace e speranza nel cuore di uno tra i paesi più tormentati del pianeta.l’Italia, quella migliore che non crede nell’odio ma nel valore del dialoro,  può essere orgogliosa di un suo  cittadino che è riuscito a conquistare la fiducia degli afghani. Non è da tutti. Congratulazioni dr.Cairo!




Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio: