Milano, “abbraccia” un anziano davanti a Lambrate e fugge: ladro inseguito dalla polizia

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

La scena è durata pochi minuti, fulminea e indolore. È passata quasi inosservata ma è stata di una efficienza rara: tanto che si è conclusa con l’arresto di uno scippatore e la restituzione della refurtiva – un cellulare – all’anziana vittima. Merito dell’occhio allentato degli uomini delle Volanti del Commissariato Lambrate che in una frazione di secondo hanno capito che c’era da inseguire un uomo e bloccarlo al suolo.

Il furto davanti alla Stazione Lambrate

Succede tutto in pieno pomeriggio, a due passi dalla Stazione ferroviaria di Lambrate. Durante il “solito” giro, la volante nota che in via Antonio Salieri c’è un ragazzo che corre a piedi velocemente in direzione piazza Enrico Bottini. Dietro, a fatica e già molto distanziato, c’è un anziano che si sbraccia come per cercare di bloccarlo. 

Il pensionato, come ricostruiranno pochi istanti dopo gli agenti, è un italiano di 87 anni al quale con “un abbraccio” – è questa la tecnica – il giovane,  in fuga aveva appena sfilato il telefonino dal taschino anteriore della sua camicia.

Ladro inseguito e arrestato dalla polizia

I poliziotti si mettono subito all’inseguimento del presunto ladro. Quando il ragazzo, un cittadino marocchino di 21 anni, capisce che fuggire è inutile prova invano a disfarsi della refurtiva gettandola sotto un’auto in sosta. Il gesto però, non passa inosservato allo sguardo degli uomini in divisa. Per il nordafricano che dispensava “abbracci” scattano le manette in flagrante con l’accusa di furto con destrezza. Aveva anche un decreto di espulsione dal territorio italiano, ora è a San Vittore.

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio: