Milano, un funzionario delle Entrate e tre investigatori privati ai domiciliari: “20mila interrogazioni abusive in cambio di soldi”

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

Tre investigatori privati che chiedevano a un funzionario dell’Agenzia delle Entrate di effettuare visure sui soggetti di loro interesse, ma che non rientravano tra le pratiche a lui assegnate. Con questa accusa i quattro sono stati arrestati oggi dai militari del nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza. Posti ai domiciliari, rispondono di corruzione e accesso abusivo a sistema informatico. Secondo le indagini, sono oltre 20mila le interrogazioni abusive all’anagrafe tributaria effettuate dal funzionario in cambio di soldi, ricevuti o promessi: circa 15mila euro.

La misura cautelare è stata firmata dal gip Elisabetta Meyer su richiesta del pm Carlo Scalas titolare delle indagini nate dopo una segnalazione della stessa Agenzia delle Entrate: si era accorta di parecchie migliaia di interrogazioni – in tutto 20.197 – fatte a partire dal primo gennaio 2017 senza alcuna giustificazioni con i compiti ufficiali e che riguardavano nominativi o veicoli che non rientravano nelle pratiche assegnate al funzionario. I dati poi, secondo l’ipotesi, sono stati ‘venduti’ agli investigatori privati per i loro dossier.

L’indagine della Procura “è stata avviata in seguito ad una propria segnalazione frutto di un’indagine interna“, precisa l’Agenzia delle Entrate. L’Agenzia “ha collaborato con gli inquirenti, anche su incarico della Procura, per fornire gli elementi utili a fare luce sulla vicenda” e “ha disposto il provvedimento di sospensione obbligatoria del dipendente e provvederà ad attivare il previsto procedimento disciplinare”.


close

Prima di continuare


Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.


Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.


Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.


Grazie,

Peter Gomez

Articolo Precedente

Concessioni balneari, stabilimento genovese sequestrato applicando direttiva Bolkestein: “Occupazione abusiva del demanio”

prev


Articolo Successivo

Sea Watch, ecco la querela di Carola Rackete a Salvini: “Da lui aggressioni diffamatorie e gratuite. Sequestrate i suoi account social”

next


Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio: