Palermo, moto contro guard-rail a monte Pellegrino: morto 18enne

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

Tragedia fra in tornanti di Monte Pellegrino. Giulio Franco, 18 anni, studente di Monreale – frequentava l’istituto Regina Margherita – si è schiantato contro il guardrail sulla salita tra piazza Belvedere  e il santuario di Santa Rosalia.

Alla guida di una Suzuki GS500, era in compagnia di un amico diciannovenne, – C.S.-, ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Villa Sofia. Era mezzanotte circa. Il giovane, morto poco dopo l’impatto, secondo una prima ricostruzione fornita dalla polizia municipale, stava percorrendo il tratto stradale quando, per causa ancora da accertare, forse complice l’alta velocità, ha perso il controllo della moto di grossa cilindrata schiantandosi contro le barriere in ferro. Le indagini dei vigili della sezione Infortunistica sono alle prime battute. Il magistrato Alessia Sinatra sta valutando l’ipotesi di ordinare l’autopsia.

Il ferito è in codice rosso, con la riserva sulla vita. Nell’impatto ha subìto un’emorragia cerebrale e lesioni al fegato. I vigili dovranno ascoltare la sua versione legata alla dinamica e intanto, stanno acquisendo le registrazioni delle chiamate pervenute al 118, alla ricerca di possibili testimoni. La salma del giovane si trova custodita alla Morgue del Policlinico: è sottoposta a sequestro, in attesa che il magistrato decida su un’eventuale autopsia. I vigili hanno richiesto accertamenti sulla presenza di alcol o droghe. Accertamenti che sul giovane ferito hanno già dato esito negativo.

Ed ecco cosa scriveva su Instagram il giovane appena 3 mesi fa, raccontando di come era riuscito ad acquistare la moto tanto desiderata. “Fin da quando avevo 13 anni ho sognato di avere una moto tutta per me, ma scontrato con la realtà ho capito che purtroppo certe cose non possono realizzarsi, se non dopo un lavoro, pazienza, e molto impegno. Allora mi misi al lavorare, cominciando a mettere dei soldi da parte per realizzare il mio sogno, e promisi a me stesso che a 18 anni avrei comprato la mia prima moto, soltanto con le mie forze. Finalmente dopo un tempo quasi infinito per me, sono arrivati i miei tanto attesi 18 anni. Feci quattro conti nelle mie tasche e cominciai a muovermi, 10 giorni dopo la moto era a casa, dopo 2 mesi ero in sella al mio sogno, con le mie forze, con il mio impegno, costato davvero infiniti sacrifici. Ma almeno posso dire che quando si lavora per realizzare un sogno, i risultati prima o poi arrivano, e sfido chiunque a provare la felicità che può darti questo pezzo di ferro”.

È la seconda tragedia che in poco tempo colpisce l’istituto Regina Margherita di Palermo: appena tre settimane fa, un altro giovane studente che aveva frequentato il liceo di piazzetta Santissimo Salvatore, ha perso la vita in un drammatico incidente. Giuseppe Morello, anche lui di Monreale, si era diplomato soltanto da un anno: è morto a fine luglio dopo essere scivolato sugli scogli a Macari, nella zona di San Vito Lo Capo. Giulio e Giuseppe si conoscevano.
 

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio: