Perché in Italia un giovane su 4 è troppo istruito per il lavoro che fa

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

In Italia, più di 13 milioni di adulti hanno competenze di basso livello, percentuale tra le più elevate tra i paesi Ocse, e l’investimento in capitale umano è modesto se si pensa che solo il 20% degli italiani tra i 25 e i 34 anni è laureato rispetto alla media Ocse del 30%.

Inoltre, anche a causa di trend demografici negativi, il numero assoluto di studenti iscritti all’università è sceso dell’8%, tra il 2000 e il 2015 e solo negli ultimi anni ha ripreso timidamente a salire.

«La scarsa domanda di competenze e il mismatch – sottolinea Scarpetta – sono dovuti a una struttura economica in cui accanto a imprese relativamente grandi, che competono con successo sul mercato globale e richiedono competenze di eccellenza, ve ne sono molte altre che operano con un management dotato di scarse competenze e lavoratori con livelli di produttività modesti. Insufficienti livelli di skills tra manager e lavoratori si combinano con bassi investimenti in nuove tecnologie che richiedono più elevato capitale umano, ma anche con un basso utilizzo di pratiche di lavoro innovanti oramai essenziali per stimolare la produttività».

Senza contare che spesso i salari in Italia sono prevalentemente legati all’età e alla tipologia del contratto di lavoro, più che alla performance individuale, e ciò disincentiva un uso intensivo delle competenze sul posto di lavoro.
Questa situazione crea una situazione paradossale: il ritorno nell’investimento in competenze è basso in Italia il che scoraggia i giovani a investire nella loro istruzione e questo scarso investimento in capitale umano frena gli investimenti e la creazione di posti di lavoro a più alta produttività e remunerazione in un pericolo circolo vizioso.

Come se ne esce? «Da un lato occorre senz’altro un intervento in profondità sulla domanda – conclude Scarpetta – attraverso un rinnovato sforzo per promuovere l’investimento, l’innovazione e un mercato del lavoro fluido e che offra adeguata protezione ai lavoratori. Dall’altro lato, però, senza uno sforzo massiccio nell’investimento in capitale umano è difficile avviare l’Italia lungo un sentiero di crescita forte e sostenuto nel tempo».

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio: