Prevenire le truffe su internet: l’esempio della compravendita di auto usate

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

Il mondo delle auto usate è ricco di opportunità, ma anche pieno di insidie e di rischi. Una delle truffe principali alle quali deve stare attento chi vende la propria auto usata su internet riguarda i pagamenti gonfiati. Può capitare, infatti, di ricevere offerte “irrinunciabili” da parte di fantomatici acquirenti. Questi, infatti, possono offrire molto più del reale valore della vettura in questione. Risultato? La truffa è dietro l’angolo. Attenzione anche ai numeri telefonici dell’acquirente a pagamento, ai compratori esteri, ai servizi per il trasferimento di denaro in cui non c’è bisogno del documento d’identità, ma solo del numero dell’operazione. Insomma, gli esempi non mancano ed ecco qui di seguito i più comuni.

Le truffe nella vendita di un’auto con assegno circolare sono tra le più gettonate. Questo tipo di truffa ha più probabilità di venire in messa in atto qualora la vettura in questione fosse piuttosto costosa. I venditori truffati sono così tanti che la polizia ha creato delle task force speciali per sventare questi tranelli.

La truffa è molto praticata perché la banca ha bisogno di un po’ di tempo, mediamente qualche giorno, per accertarsi della contraffazione di un assegno dopo che l’hai versato. Questo intervallo di tempo viene sfruttato per portare a termine la truffa: per aggirare la legge e concludere la procedura al PRA consegnando tutti i documenti.

Tra le truffe nella vendita di auto sul web è ormai classica quella dell’acquirente straniero, della quale in rete circolano purtroppo moltissime versioni che incastrano ogni anno centinaia di privati. Di solito tali truffatori professionisti inviano assegni scoperti, bonifici irregolari. Prudenza quando qualcuno è disposto a comprare un’auto senza averla testata, la truffa è dietro l’angolo! Il truffatore ci dice di aver effettuato il bonifico e dopo qualche giorno veniamo contattati dalla GIABA, un organo realmente esistente. In realtà abbiamo a che fare con un complice della truffa che ha il ruolo di fornire una garanzia di sicurezza, infatti fingerà di eseguire dei controlli.

Come evitare le truffe?

Per fortuna c’è il modo per evitare le truffe. Chi vuole vendere la propria auto usata può contattare siti compro auto usate riconosciuti sul nostro territorio, come car2cash.it, in modo da poter vendere l’auto senza troppi pensieri e ricevere il pagamento in brevissimo tempo.

Con il sistema dei compro auto usate la vendita diretta è caratterizzata dalla consegna della cifra prevista immediatamente ed in denaro prontamente esigibile: questo significa che l’automobile del cliente viene saldata dai Compro Auto in contanti o tramite assegno circolare.

Alcuni servizi poco seri offrono il pagamento attraverso banconote per qualunque importo riguardante la compravendita. Si tratta di un illecito grave, che rientra tra le forme di evasione fiscale punite dal nostro ordinamento: il tetto alle transazioni in contanti è stato posto a 3.000 euro dalla legge di stabilità 2016 e non è possibile superarlo senza l’intervento apposito di un istituto di credito.

Insomma, si tratta di una soluzione molto vantaggiosa per tutti quelli che vogliono vendere l’auto in breve tempo.

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio: