Roma-Athletic, valanga di insulti a Zaniolo sui social. Ma c’è chi lo difende: “Cose che capitano”

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

Minuto 92 di Roma-Athletic Bilbao. Kolarov entra in area di rigore, mette in mezzo con il sinistro trovando Zaniolo all’altezza del dischetto. Il 22 giallorosso sbuccia la conclusione, tocco di mano e calcio di rigore deciso da Maresca. Sebbene a velocità normale sembrerebbe il difensore spagnolo a commettere il fallo, dal primo replay si capisce chiaramente che è invece Zaniolo a commettere l’infrazione. Gli ospiti si sono rivolti subito verso il giovane giallorosso, per convincerlo a chiarire l’episodio con l’arbitro. Nulla da fare: rigore confermato, gol di Pellegrini e 2 a 2 finale.

POLEMICHE – Subito si è riversata sui social l’indignazione per il comportamento di Zaniolo, reo secondo molti tifosi di non aver avuto un atteggiamento sportivo, specialmente trattandosi di un’amichevole, quindi con poco o nulla in ballo. “Zaniolo ha sbagliato a non raccontare la verità, tra l’altro si trattava di un’amichevole“; “La maglia deve essere onorata sempre. Per me Zaniolo ha fatto una brutta figura“, questi alcuni dei messaggi di rimprovero comparsi su Twitter.

DIFESA – C’ è anche però chi ha voluto minimizzare l’episodio, che con l’utilizzo del Var in partita ufficiale non avrebbe scatenato alcuna polemica: “Cose che capitano“, “A nessuno è venuto in mente che non se ne sia nemmeno accorto?“, “Cerchiamo qualsiasi pretesto per criticare“, questi invece i messaggi dal tono più morbido, certamente più comprensivi verso il giovane giallorosso che, va ricordato, in fondo ha solo 20 anni.

SCUSE – In serata sono poi arrivate le scuse sui social da parte di Nicolò Zaniolo: “Non ho avuto la lucidità di capire quanto accaduto in area e ho reagito male. Chiedo scusa a tifosi e avversari”.

 



Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio: