Studiare a Milano da fuorisede? Ci vogliono 985 euro al mese

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

Pubblichiamo l’articolo uscito sul quindicinale MM, a cura di due studenti del Master della scuola di giornalismo Walter Tobagi dell’Universit degli Studi di Milano/IFG

Agli sgoccioli della sessione estiva, lo studente fuorisede si fa forza vedendo il traguardo. Le spese di Milano, per un mese, rimarranno solo un ricordo. Qualcuno, da contratto, pagher ancora l’affitto nel periodo di assenza, ma le bollette saranno ridotte all’osso e alla spesa per vivere e mangiare torneranno a pensarci mamma e pap. Di sicuro, non si arriver a spendere 985 euro. S, questa la cifra che, in media, spende uno studente fuorisede a Milano. Il risultato di un sondaggio, preparato e condotto da noi, che non vuole avere velleit statistiche, ma comunque basato su un questionario molto ricco e articolato distribuito a un campione scelto di 200 studenti delle varie universit milanesi. Quindi, un risultato da giudicarsi molto verosimile.

985 euro. Una tassa per vivere e studiare, ma anche per divertirsi e non rinunciare ad avere una vita sociale. Il “valore di mercato” del fuorisede in una citt che ne accoglie 110mila da ogni parte d’Italia e non solo. I numerosi studenti coinvolti hanno risposto a domande sul costo della vita nel capoluogo lombardo. Nei quesiti sottoposti, dai quali erano escluse le tasse universitarie, stato chiesto agli studenti di indicare la spesa mensile per abitazione, spesa, trasporti, libri, attivit extra e svago.

La prima particolarit che emerge dalle risposte lo scarto tra la percezione che gli studenti hanno del costo della loro vita e il dato reale. Alla domanda iniziale su quanto stimino di spendere ogni mese, compreso l’affitto della casa, la media di 745 euro. Oltre 200 euro in meno del totale che si ottiene sommando le risposte sulle singole spese. Solo un fuorisede su quattro, il 24 per cento, consapevole di quanto gli costi vivere in citt. La grande maggioranza convinta di sborsare o tra i 400 e i 600 euro (28%), o tra i 600 e gli 800 (35%).

Tra le spese, il principale fardello senz’altro l’affitto. Un costo medio di 410 euro al mese, quasi sempre finalizzato al pagamento di una stanza, o singola (48%), o in condivisione (28%). Se la percentuale di chi pu permettersi una casa di propriet di poco superiore al 10 per cento, ancor pi marginale quella di chi alloggia in uno studentato messo a disposizione dall’ateneo frequentato, appena il 5 per cento. Una grande mancanza per la citt italiana con il numero pi alto di fuorisede, in continuo aumento, dove la ricerca di un posto in cui vivere si trasforma spesso in una battaglia. Per la casa si deve inoltre sommare il costo delle bollette, stimato in 46 euro al mese aggiuntivi al prezzo dell’affitto e quasi mai inclusi (solo nel 6% dei casi). Ma la sola casa non basta a sopravvivere.

La seconda voce del budget mensile di un fuorisede la casella della spesa per cibo, prodotti per la casa e igiene personale: 142 euro in media al mese. Quasi tutti d’accordo sul luogo in cui acquistare: l’89 per cento utilizza il supermercato che, nonostante i prezzi pi alti, supera di gran lunga il discount (18%). Ancora non decolla invece la spesa online (8%), a cui viene addirittura preferito, seppur di poco, il tradizionale mercato (9%). Due studenti su tre pranzano in universit pi di tre volte a settimana, spesso costretti da orari delle lezioni e distanze. La soluzione prediletta cos senza dubbio il pranzo al sacco, pi noto ai milanesi come “schiscetta” (58% degli intervistati). Seguono appaiati la mensa universitaria e i bar convenzionati per gli studenti, entrambi intorno al 35 per cento, che limitano cos a 70 euro mensili la spesa per pranzare fuori da casa.

Altri costi obbligati sono quelli relativi ai trasporti, che si riescono per a contenere grazie alle tariffe per studenti e under 26 di cui possono usufruire i giovani. Un abbonamento Atm un bene imprescindibile: il 94 per cento dei fuorisede usa infatti metr, autobus e passanti per spostarsi in citt, integrandoli spesso con i diffusi servizi di sharing. Cos, sia l’utilizzo delle quattro ruote (25% per il car sharing), che delle due ruote (22% per il bike sharing), riduce il numero di chi si sposta con un mezzo privato o con il taxi. I trasporti a Milano costano cos a un fuorisede 27 euro al mese in media, a cui si sommano i 32 di chi decide di tornare pi spesso nella sua citt di provenienza. Treno (65%) e aereo (26%) i mezzi pi gettonati, anche se per pi della met degli studenti si tratta di una spesa saltuaria. Tornare dalle famiglie ogni mese risulta quasi impossibile per via di prezzi e distanze che rendono difficile organizzare i rientri pi di due o tre volte l’anno.

Se per i trasporti il fuorisede pu consolarsi con la vasta offerta disponibile in citt, molta pi fantasia la deve adoperare per abbattere uno scoglio quasi insormontabile: il costo dei libri. Raramente le facolt forniscono il materiale universitario gratuitamente, chiedendo agli studenti uno sforzo economico importante. L’acquisto dei manuali nuovi ancora la soluzione preferita (47%), ma ampio il ricorso alle varie scorciatoie: fotocopie (44%), libri usati (42%), prestito in biblioteca (27%), dispense e pdf (22%). Soluzioni che permettono di contenere il costo medio intorno ai 115 euro annuali (stimabili in 20 al mese), nonostante possano esserci picchi di 500 o 600 euro, soprattutto in corsi di studio come Medicina e Giurisprudenza.

Nel paniere di un universitario non c’ per solo il dovere. Una fetta delle spese mensili del fuorisede composta da cene, aperitivi e uscite. Il 92 per cento degli intervistati si concede il lusso di una cena fuori almeno una volta a settimana, accompagnandola nel 90 per cento dei casi con un’ulteriore uscita serale. La birra con gli amici il classico intramontabile che rende il pub la prima scelta per il divertimento (80%), mentre cinema e teatro (41%) superano la discoteca (39%). Appuntamenti culturali, vita notturna e cene fuori costano al fuorisede 200 euro al mese.

Ma le alternative per divertirsi a costo zero non mancano. Un esempio la community social Milano da scrocco, attiva sia su Facebook che su Instagram, che ogni giorno propone una rassegna di tutti gli eventi, feste e inaugurazioni dove possibile mangiare e bere gratis. Un esperimento creato per fini didattici ma che, come sottolinea Alessio Ferrantino, uno dei tre fondatori, tutti rigorosamente fuorisede, nato anche perch comprendiamo l’esigenza del risparmio quando possibile. Decine di persone vanno agli eventi segnalati e campano proprio grazie a noi, mentre altri lo fanno per conoscere nuovi locali in cui poi poter riandare.

Oltre agli eventi mondani, c’ anche spazio per sport e passatempi. Uno studente su tre si mantiene in forma andando in palestra, ma tra le scelte predilette ci sono anche il calcetto (13%) e la piscina (8%). Sono per in molti i fuorisede che, per una questione di tempo, preferiscono non svolgere nessuna attivit extra (27%). Piccole rinunce per cercare di rientrare nel bilancio, visto che anche il tempo libero comporta una spesa media di 27 euro al mese.

Quasi nessuno invece riesce a fare a meno degli abbonamenti a piattaforme di streaming. Le serie tv su Netflix (61%) e Amazon Prime (29%) stanno diventando un bene praticamente irrinunciabile, cos come la musica di Spotify premium (38%). Molto pi basso, ma comunque presente, il dato di abbonamento a riviste e quotidiani: il 10 per cento degli studenti afferma di averne sottoscritto uno, pi di quanti abbiano scelto di vedere il calcio su Dazn (5%). Il costo medio dei vari abbonamenti non supera gli 11 euro, una spesa spesso fatta a cuor leggero per la possibilit di dividere e ammortizzare la cifra in condivisione con gli amici. Piccoli piaceri di sicuro non indispensabili, ma che danno conforto e che ci si concede volentieri per il loro essere a buon prezzo. Anche in una citt che esige 985 al mese.

* Studenti del Master della scuola di giornalismo Walter Tobagi dell’Universit degli Studi di Milano/IFG, [email protected]

20 luglio 2019 | 20:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio: