Traffik, il trapper condannato resta in carcere a Roma: i genitori non lo vogliono a casa con i domiciliari

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

Il Tribunale di Roma gli ha concesso di scontare ai domiciliari la condanna a due anni e mezzo per aver aggredito e rapinato alcuni fan ma i suoi genitori no. E l’hanno lasciato in carcere. È quanto successo al trapper romano Traffik, 23 anni, all’anagrafe Gianmarco Fagà: assieme all’amico e collega Gallagher (Gabriele Magi, 25 anni) si era scagliato contro alcuni fan che li avevano fermati alla stazione Termini per chiedergli un autografo, gesto punito con una condanna a due anni e mezzo di carcere per lui e due anni e tre mesi per Gallagher.

Entrambi figli della borghesia dei Parioli, i due giovani hanno un passato di eccessi, violenze e trasgressioni: le loro canzoni sono infatti un continuo rimando a droga, armi, macchine di lusso e gang.. Motivo per cui ora, a differenza di Magi, Fagà non è ancora tornato a casa dal carcere. Come riferisce Il Messaggero, il padre esasperato dalle trovate del figlio ha inviato persino una lettera al giudice affinché non lo rimettesse in libertà. Gallagher invece, non solo ha già lasciato il carcere ma ha ottenuto anche la revoca dei domiciliari con solo l’obbligo di firma, misura che gli consente di pubblicare il nuovo album e tornare in libertà.


close

Prima di continuare


Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.


Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.


Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.


Grazie,

Peter Gomez

Articolo Precedente

Al Bano, il figlio 16enne vuole lavorare ma lui non vuole: “Non se ne parla, tu farai Economia”

prev


Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio: