Trento, se lo spazzino non va oltre piazza Centa

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

Trento, se lo spazzino non va oltre piazza Centa

Egregio direttore, nel Comune di Trento non è tutto uguale.
I giardini pubblici, ad esempio, sono ben curati e tenuti puliti.
Merita un encomio chi se ne occupa dentro e fuori l’amministrazione comunale.

Strade e marciapiedi invece, fuori dal centro, sono una vera desolazione. Ogni giorno percorro la ciclabile da Trento nord al centro e rivedo sempre le stesse cartacce, cicche, plastiche, contenitori dei fast food, lattine, eccetera, che ne impreziosiscono i bordi.
Solo qualche temporale o il vento movimentano un po’ il panorama, che però rimane con una certa sporcizia. Carlo Levi scrisse «Cristo si è fermato ad Eboli».

Io posso dire “lo spazzino si è fermato in piazza Centa”.

Pierangelo Santini


 

Il problema è la maleducazione

Talvolta ho anch’io la sensazione che non solo lo spazzino, ma che anche altri dipendenti del Comune si fermino… a “Eboli”.
In realtà, come spesso accade, il problema non riguarda chi non può comunque essere ovunque e pulire ogni cosa, ogni strada, ogni angolo: il problema riguarda chi continua a “violentare” l’ambiente con la maleducazione. Le stesse persone che quando si avvicinano al centro, visto che i controlli sono ben diversi (al di là dell’impegno di encomiabili spazzini), cambiano atteggiamento e cercano un cestino.
Girerò dunque la segnalazione al sindaco, che so sempre attento a ciò che i lettori scrivono in questa rubrica. Ma dovrei girare le sue parole a chi continua a buttare ogni cosa per terra, nel prato, nel fiume. Che tristezza.

[email protected]



Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio: